» CNBS: «Amazon pronta a lanciarsi nel mercato dei farmaci»
 

CNBS: «Amazon pronta a lanciarsi nel mercato dei farmaci»

Amazon ha deciso di investire nel mercato multimiliardario (a livello globale) della vendita di farmaci. A riferirlo è l’emittente CNBC, che spiega come negli ultimi anni l’azienda abbia organizzato almeno un meeting nel suo quartier generale di Seattle per analizzare se ed in che modo fosse possibile entrare nel business.
La televisione americana cita due fonti anonime a conoscenza della questione, secondo le quali «alla luce dei trend relativi ai consumi, Amazon sta pensando seriamente di lanciarsi nel settore». Tuttavia, le stesse persone affermano che «l’operazione non è ancora stata completata» e che occorrerà ancora del tempo, anche e soprattutto in ragione del «complesso sistema di players già presenti nel comparto». Tuttavia, il colosso statunitense sembra essere particolarmente deciso, tanto da aver assunto «un nuovo manager al quale è stato affidato un team con il compito di formulare una strategia». Al contempo, sono stati «avviati confronti importanti anche con alcuni esperti del settore». Amazon ha già avviato di recente la vendita di strumentazioni e macchinari sanitari all’interno degli Stati Uniti, e sta procedendo a nuove assunzioni al fine di irrobustire il proprio team dedicato ad un “professional health care program”, «con l’obiettivo di essere sicura di soddisfare tutti i requisiti previsti dalle normative». In pratica, il gruppo avrebbe costituito una squadra dedicata allo studio di fattibilità, operativo e legale. Un articolo riportato dal Japan Times nello scorso mese di aprile aveva d’altra parte indicato che l’azienda ha avviato l’estensione sul territorio nipponico del proprio servizio “Prime Now” anche a medicinali e cosmetici, avvalendosi del supporto di partner locali. Sul sito internet giapponese di Amazon, tali prodotti sono inclusi nella categoria “farmaceutici” e le vendite, precisa la CNBC, «sono effettuate previa approvazione di un farmacista». D’altra parte, spesso il noto sito di commercio elettronico utilizza la strategia di testare un nuovo business in un singolo Paese, prima di generalizzarlo. Il settore farmaceutico, d’altra parte, fa gola: basti pensare che solamente negli Stati Uniti esso “vale” qualcosa come 4 miliardi di prescrizioni all’anno. Nel 2015, pazienti, compagnie d’assicurazione e altri soggetti hanno speso all’incirca 300 miliardi di dollari per i soli medicinali con obbligo di ricetta.
 
 

fonte:

Farmaciavirtuale.it

 
 

In evidenza

 
24 maggio 2017

Vaccini e vaccinazioni – Il punto dell’Istituto Superiore di Sanità

In relazione alle considerazioni espresse nell’editoriale apparso sul Corriere della Sera a firma del giudice emerito della corte Costituzionale Sabino Cassese che sottolinea il ruolo di tutela della salute pubblica affidato al nostro Istituto si ritiene doveroso intervenire con alcune indicazioni sulla base di evidenze scientifiche alla vigilia della discussione sulla proposta di legge per reintrodurre l’obbligo della presentazione del certificato vaccinale per l’iscrizione agli istituti scolastici.

 

Vaccini e vaccinazioni – Il punto dell’Istituto Superiore di Sanità
 
22 maggio 2017

Pay back 2013. Aifa: vanno restituite alle farmacie le somme corrisposte nel 2015

Lo scorso 4 maggio, il direttore generale dell'Aifa, Mario Melazzini, ha incontrato la presidente di Federfarma, Annarosa Racca, per fare il punto sullo sfondamento della spesa farmaceutica territoriale 2013, indebitamente imputato alle farmacie da una determina dell'Aifa dell'ottobre 2014, con cui l'Agenzia dettava le modalità del "payback" per lo sfondamento dell'anno prima. Ieri, l'Agenzia italiana del farmaco ha diffuso un comunicato in cui rende noto che vanno restituite alle farmacie le somme corrisposte nel 2015 con una maggiorazione di un decimo di punto sullo sconto dello 0,64% per ripianare lo sfondamento della spesa farmaceutica territoriale risalente a due anni prima.

CNBS: «Amazon pronta a lanciarsi nel mercato dei farmaci»
 
22 maggio 2017

FARMACI SENZA OBBLIGO DI PRESCRIZIONE: possono essere pubblicizzati

Questa Federazione informa che il Consiglio di Stato Sezione Terza si è recentemente pronunciato con la Sentenza  n. 2217 del 12 maggio 2017, sul tema della pubblicità dei farmaci SOP.

 

FARMACI SENZA OBBLIGO DI PRESCRIZIONE: possono essere pubblicizzati
 
17 maggio 2017

Bollini difettosi dei farmaci, Russo (FI): “Si passi a tracciabilità assoluta” video

Sulla questione dei codici di tracciabilità cancellabili da alcuni bollini, il parlamentare Paolo Russo ha riferito a FarmaciaVirtuale.it di essere «da anni a conoscenza del problema».

Bollini difettosi dei farmaci, Russo (FI): “Si passi a tracciabilità assoluta” video